The Digital Cicognara Library

Search Constraints

You searched for: Contributing Library Biblioteca Apostolica Vaticana Remove constraint Contributing Library: Biblioteca Apostolica Vaticana Digitized Version Available Microfiche Remove constraint Digitized Version Available: Microfiche Catalogo Section Guide Remove constraint Catalogo Section: Guide
Number of results to display per page

Search Results

4169. CRESPI canonico Luigi, La Certosa di Bologna descritta nelle sue pitture, Bologna 1772, in 4 pic.
4218. Il REALE Giardino di Boboli nelle sue piante, e nelle sue statue, Firenze, in 4, fig.
Con 46 tavole intagliate in rame.
4232. LUCIDI Antonio, Notizie della Santa Casa di Loreto, Loreto 1789, in 8.
4325. SPRETI Desiderio, Della grandezza, della ruina, e della ristaurazione di Ravenna, tradotta da Bonifacio Spreti discendente del primo, Pesaro 1574, in 8.
4372. MOSCHINI Giovan Antonio, Guida per l’isola di Murano, Venezia 1808, in 8.
4156. Le GUIDE, ou nouvelle déscription de la ville d’Amsterdam, Amsterdam 1720, fig., in 8.
Sonovi molte tavole fra il testo, e la serie delle bandiere marittime.
4157. Le GUIDE d’Amsterdam avec la déscription de ce qui il y a de plus intéressant, Amsterdam 1793, in 8, fig.
Sono in questa edizione le stampe di molti edifici di mediocre esecuzione, e l’estensione del testo è ben fatta.
4158. Le GUIDE d’Angleterre; ou rélation curieuse du voyage de M. de B.***, Amsterdam 1744, in 4.
Libro assai piccante, e fatto con qualche buon gusto.
4161. RONDINELLI Giovanni, Relazione sopra lo stato antico, e moderno della città di Arezzo, Arezzo 1755, in 8. ASCOLI
4163. ORSINI Baldassare, Descrizione delle pitture, sculture, e architetture dell’insigne città di Ascoli, Perugia 1790, in 8, fig.
Prolisso, e con molte cattive tavole.
4165. CALVI Donato, Le misteriose pitture del palazzo Moroni spiegate, Bergamo 1655, in 4, M. 95.
Questa descrizione è stesa dallo stesso che dipinse in questo palazzo le molteplici allegorie, spiegate in un volumetto d’oltre 100 pagine. Questo Calvi era il padre priore degli Agostiniani letterato, e pittore.
4168. Della CHIESA del S. Sepolcro riputata l’antico Battisterio di Bologna, e in generale dei Battisteri. Discorso dedicato a Gesù Cristo, e al suo amico e battezzatore Giovanni, Bologna 1772, in 8, M. 50, con una tavola della pianta.
Si ricava in quest’opera qualche notizia intorno l’antica basilica di S. Stefano, ma dal titolo si capisce facilmente in che direzione l’autore abbia rivolte le sue ricerche.
4171. GATTI Giacomo, Descrizione delle più rare cose di Bologna, e suoi subborghi in pitture, sculture, e architetture, Bologna 1803, in 8.
In questa riproduzione delle antiche guide nulla si è migliorato, né per critica, né per scoperte, né per edizione, e forma d’esposizione.
4172. PASQUALI Alidosi Niccolò, Istruzione delle cose notabili della città di Bologna, Bologna 1621, in 8.
4173. Della PITTURA della libreria del monastero di S. Michel in Bosco di Bologna, Bologna 1681, in 8, M. 51.
Fu questa libreria dipinta da Domenico M. Canuti.
4174. MALVASIA Carlo Cesare, Le pitture di Bologna che rendono il passaggiero disingannato ed istrutto: dell’Ascoso Accademico Gelato terza edizione, Bologna 1732, in 12.
Il conte Malvasia dedicò questo suo libro sotto il nome di Ascoso la prima volta che lo stampò a Carlo le Brun.
4175. MALVASIA Carlo Cesare, La quarta edizione, 1755.
4176. MALVASIA Carlo Cesare, La quinta edizione, 1766.
4177. MALVASIA Carlo Cesare, Pitture, sculture, e architetture delle chiese, luoghi pubblici, palazzi, e case della città di Bologna, Bologna 1782, in 8.
In questo esemplare sono molte aggiunte manoscritte in 267 fine. Non è d’uopo ripetere come tutto ciò che porta il nome del Malvasia faccia testo d’arte in fatto delle cose bolognesi
.
4179. MASINI Antonio di Paolo, Bologna perlustrata, terza impressione notabilmente accresciuta, Bologna 1666, in 4, vol. 2.
Quest’opera è copiosissima, ma più di notizie ecclesiastiche, che di storiche, e di belle arti. Nondimeno è da tenersi in pregio
.
4181. SQUARCI d’annotazioni e varie pagine del libricciuolo intitolato: Pitture, sculture, e architetture di Bologna, pel Longhi, an. 1776. Dedicati agli amatori di verità da pochi principianti d’architettura, Faenza 1777.
— Aggiuntovi: Verità di fatto esposte da Raimondo Compagnini a rischiaramento d’un libercolo dato alle stampe da pochi principianti d’architettura, Bologna 1777. — In fine: Sentimenti di pochi principianti d’architettura in ordine alle verità di fatto pubblicate dal signor Raimondo Compagnini, in 8
.
4183. ZANTI Giovanni, Nomi e cognomi di tutte le strade, contrade, e borghi di Bologna, Bologna 1583, in 8, M. 16.
Si espongono in questa antica guida di Bologna le cose più notabili di pittura e scultura. Libretto non facile a trovarsi
.
4184. AVEROLDO Giulio Antonio, Le scelte pitture di Brescia, 1700, in 4, fig.
La singolarità di questo libro di oltre 300 pagine, veramente bizzarro, è di essere interamente stato scritto dal prin 268 cipio alla fine senza mai far uso della parola che. Ciò notato è però anche eccellente per le notizie
.
4188. TARTAGLINI Domenico, Nuova descrizione dell’antichissima città di Cortona, Perugia 1700v, in 4 picc.
4189. ZUCCHINI Andrea, Alcune notizie odeporiche sulla città di Cortona, Firenze 1803, in 8, fig., M. 54.
Con una gran carta topografica
.
4190. PANNI Anton Maria, Distinto rapporto delle dipinture che trovansi nelle chiese della città, e sobborghi di Cremona, Cremona 1762, in 8.
Cremona ha avuto la fortuna d’essere caduta in buona mani per le sue illustrazionj, l’una più pregiata dell’altra
.
4193. NOUVEAU tableaux de Dresde, Dresde 1818, in 8, ou déscription topographique de cette ville.
Questo libro è ben fatto e interessante: evvi aggiunta la bella pianta della città
.
4196. BAROTTI Cesare, Pitture, e sculture che si trovano nei luoghi pubblici della città di Ferrara, Ferrara1770 , in 8.
Guida ben fatta con la pianta della città nel fine, ma che per le mutazioni hanno messo sottosopra l’Italia si è resa poco servibile: perciò in luogo di riprodurre questa guida, lodevole pensiere fu il comporre la seguente
.
4197. DUE giorni in Ferrara. Guida per il viaggiatore, Ferrara 1819, in 8.
Questo librettino con molta intelligenza esteso è opera di una dama coltissima, che per modestia si tenne anonima, e vogliamo rispettare il suo silenzio
.
4198. Les DÉLICES des Pays Bas ou déscription des XVII Provinces Belgiques, Lieges 1669, in 12, volumi V, figurato.
Con molte tavole de’ principali edifici di Fiandra, ma con scarsissime notizie per gli oggetti d’arte, estendendosi l’opera molto sulle notizie storiche
.
4199. DESCAMPS, Voyage pittoresque de la Fiandre et du Brabant avec des réfléxions rélativement aux arts et quelques gravures, Paris1769 , in 8.
Vi si trovano incise in rame alcune cattedre per la predicazione le più singolari. Opera estesa con molta accuratezza.
4201. METHODE curieux, et facile pour la connoissance des tableaux, et sculptures, par qui ils son fait, avec l’éxplication du sujet, qu’ils representent, pour la Flandre et le Brabant, Amsterdam 1772, in 12.
Sono in fine le vite di parecchi pittori fiamminghi cominciando da Rubens, Vandik ec. Ma poi questo libro non insegna altro metodo di quello che trovasi in tutte le guide di città ove sono citate le pitture
.
4202. BIANCHI Giuseppe, Ragguaglio, e rarità della Galleria di Firenze, Firenze 1759, in 8.
Questo comprende tutti gli oggetti conservati nella Galle 270 ria, ma le illustrazioni sono estese con una debolissima critica
.
4203. BOCCHI messer Francesco, Le bellezze della città di Firenze dove a pieno di pittura, scultura, di templi, di palazzi, i più notabili artifizii e più preziosi si contengono, Firenze 1591, in 8.
Questo è il primo libro ben fatto che illustrasse le curiosità di Firenze, del quale i begli esemplari per la conservazione sono rari
.
4205. CAMBIAGI, Lo stesso, 1798, in 8.
4206. CARLIERI Carlo Maria, Lo stesso ristretto, 1733, in 12. Tutti co
loro che vollero restringere e metter le mani nel Bocchi e nel Cinelli per modificarli, non fecero che guastarli
.
4207. CARLIERI Jacopo, Ristretto delle cose più notabili di Firenze, Firenze 1757, in 12.
4208. CINELLI Giovanni, Le bellezze della città di Firenze, Firenze 1677, in 8.
Aggiunta in fine: La descrizione delle pitture e ornamenti della R. Cappella di S. Lorenzo di Giuseppe Cecchini
, Firenze 1798, in 8.
4209. CINELLI Giovanni, Le bellezze della città di Firenze dello stesso. Esemplare più marginoso, e più conservato.
Quest’opera non è che una giudiziosa e ben fatta ampliazione del Bocchi
.
4212. GUALDO Priorato Galeazzo, Relazione della città di Fiorenza, e del Gran Ducato di Toscana sotto Ferdinando II, Colonia, presso Pietro de la Place, 1668, in 12.
4213. LASTRI Proposto, L’Osservatore Fiorentino sugli edifici della sua patria, Firenze 1766, in 8, fig., 2 vol. legati in 3.
Vi sono alcune tavole de’ principali edifici e monumenti, 271 ma le illustrazioni sono dottissime e preziose, e forse non avvi miglior libro per le cose fiorentine. Noi abbiamo indicato il nome, sebbene per modestia od altro motivo l’autore si tenne anonimo.
4214. MIGLIORE Ferdinando Leopoldo, Firenze, città nobilissima illustrata. Prima, seconda, e terza parte del primo libro, Firenze 1684, in 4.
Quest’opera non venne mai proseguita più oltre, e sarebbe stata della più grande utilità, poiché ben incominciata, e derivata dalle migliori sorgenti.
4215. MINI Paolo medico, filosofo, e cittadino fiorentino, Discorso della nobiltà di Firenze, Firenze 1593, in 8. — Aggiuntivi li Avvertimenti, e digressioni sullo stesso discorso, Firenze 1594.
Prezioso libretto esteso con tutto il sapore del bel dire, e tutto l’accorgimento toscano.
4217. PELLI Bencivenni, Saggio storico sulla Galleria di Firenze, Firenze 1779, 2 vol., in 8.
Questo rispettabile amatore delle belle arti, e degli studj pose ogni cura in questa buona descrizione storica della Galleria.
4219. ZACCHIROLI François, Déscription de la Galérie Royale de Florence, a Florence 1783, in 8.
Questo letterato, che volle occuparsi anche in oggetti d’arte che non capiva, e non poté mai gustare, fu forzato a vedere cogli occhi altrui, e pensare coll’altrui testa, e fece un’opera infelice.
4220. GUILBERT, Déscription historique des châteaux, bourgs, et forestes de Fontainebleau, Paris 1731, in 12, fig., 2 vol.
Opera scritta con molta accuratezza, con qualche tavola, ma di poca importanza.
4224. DESCRIPTION des beautés de Gênes, et de ses environs ornée des differentes vûes, et de la carte topografipque de la ville, Gênes 1788, in 8, fig.
Sonovi 19 tavole intagliate in rame, ed è libro ben fatto, non bramandosi che un miglior ordine nell’esposizione.
4226. RATTI Giuseppe, La stessa nuovamente ampliata, e accresciuta dall’autore, Genova 1780, in 8, fig., vol. 2.
Sono in questa alcune tavole in rame, la pianta della città, e una carta topografica. Il Ratti espurgò da ogni difetto le guide preesistenti, e conosceva profondamente le arti, e le patrie preziosità.
4228. VANDER Pierre, Les delices de Leide, une des célebres villes de l’Europe, Leide 1712, in 8, fig.
Bellissimo libretto con molte tavole ben intagliate: si osservi in principio che deve esservi una tavola rappresentante gli effetti della fame nell’assedio di Leida, la quale spesso manca negli esemplari.
4230. BARJAUD et Landon, Description de Londres et ses édifices, a Paris 1810, in 8.
Guida assai ben fatta con belle tavole in rame, e utile, e comoda ai viaggiatori.
4231. GAUDENTI D. Antonio, Storia delle Santa Casa di Loreto, Loreto 1786, in 8, fig.
Sono in quest’opera cinque tavole in rame rappresentanti la pianta, e i lati della S. Cappella. I libri che illustrano questo Santuario dovendo servire all’oggetto più della devozione che dell’erudizione, non possono essere estesi con sana critica.
4233. MARCHIÒ Vincenzo, Il forestiero informato delle cose di Lucca, Lucca 1721, in 8.
4234. BOTTANI Giovanni, Descrizione storica delle pitture del Palazzo del Te fuori della porta di Mantova, Mantova 1783, in 8, fig.
In fronte è il ritratto di Giulio Romano, in fine tre tavole coi prospetti, e la pianta del palazzo.
4235. CADIOLI Giovanni, Descrizione delle pitture, sculture, e architetture in Mantova e suoi contorni, Mantova 1763, in 8.
Esemplare in carta grande di dedica. Libro assai ben fatto nella sua semplicità.
4236. BIANCONI Carlo, Nuova guida di Milano per gli amanti delle belle arti, e delle sacre, e profane antichità milanesi, Milano 1787, in 12.
Nessuno era più passionato amatore delle arti di questo autore, che prese nondimeno troppi sbagli in quest’opera.
4238. DESCRIZIONE della Villa Silva in Cinisello, Monza 1811, in 8.
Il proprietario della villa è l’estensore dell’opera sui giardini inglesi, ed autore del rimodernamento della sua villa.
274
4239. FRIGERIO Pietro Antonio, Distinto ragguaglio dell’ottava meraviglia del mondo, ossia della gran metropolitana dell’Insubria detta volgarmente il Duomo di Milano, Milano 1739, in 8, fig.
Quantunque annunziato con questo titolo ampolloso all’uso dell’Escuriale di Spagna, il libro è ben fatto, e ricco di notizie, con una pianta generale.
4240. GRATIOLI Petri bononiensis, De praeclaris Mediolani aedificis, Mediolani 1735, fig., in 4.
Con 19 tavole in rame. Opera non molto ricca di dottrine per la moltiplicità degli oggetti, ma saviamente concepita.
4241. ISTRUZIONE intorno alle opere de’ pittori nazionali ed esteri esposte al pubblico nella città di Milano, con qualche notizia degli scultori ed architetti, Milano 1777, in 8.
Non escì che la prima parte, e non sarebbe cattivo libro se fosse continuato.
4242. LATTUADA Serviliano, Descrizione di Milano ornata con molti disegni in rame delle fabbriche più cospicue, che si trovano in quella metropoli, Milano 1737 a 1738, in 8, fig., vol. 5.
Quest’opera è troppo voluminosa, e piena di inutilità, e scritta con poca critica. Le tavole sono a’ luoghi voluti dal testo.
4244. MORIGIA Paolo, La nobiltà di Milano divisa in sei libri, Milano 1595, in 4 pic.
4250. TORRE Carlo, Il ritratto di Milano diviso in tre libri, Milano 1674, in 4, fig., edizione prima.
4251. TORRE Carlo, Lo stesso, edizione seconda, 1714, in 4, fig.
Opera ben fatta: nella prima edizione trovasi una bella antica carta topografica della città, e la facciata del Duomo di Milano; nella seconda incontransi fra il testo alcune cattive stampe.
4252. SANTAGOSTINI Agostino, e Giacinto fratelli pittori milanesi, Catalogo delle pitture insigni, che stanno esposte al pubblico in Milano, Milano, in 16, senza anno.
4253. SORMANI Nicolò, Giornate de’ passeggi, storico-topografico-critici nella città, e diocesi di Milano, Milano 1751, in 8.
Libro fatto più per gli ecclesiastici, che per gli amatori degli studj, e delle antichità.
4255. PAGANI Giovan Filiberto, Le pitture, e sculture di Modena descritte, Modena 1770, in 8.