The Digital Cicognara Library

7

Antichitá arabe, egizie, indiche ec.

  1. 2508. ABDOLLATIPHI historiae AEgypti compendium, arabice et latine. Partim ipse vertit, partim a Pocokio versum edendum curavit, notisque illustravit J. White S. T. P., Oxonii, typis Academicis impensis editoris, 1800, in 4 g.
    Opera del più alto interesse e preziosa per l’antica erudizione non controversa che in essa ritrovasi.
  2. 2509. ADLER Jacobus Georgius, Descriptio codicum quorundam Cuficorum partes Corani exhibentium etc. Praemittitur disquisitio generalis de arte scribendi apud Arabos, Altonae 1780, in 4, M 45.
  3. 2510. ADLER Christianus, Museum Cuficum Borgianum Velitris illustratum, Romae 1782, in 4, fig.
    Bella e nitida edizione pei caratteri orientali di cui è ripiena con 12 tavole di accurato intaglio in rame. Esemplare di dedica in vit. dorato in carta grande.
  4. 2511. ANTIGUIDADES arabes de Espana, Madrid 1780.
    Questo raro vol. comprende 31 tav. in foglio atlantico precedute da un solo foglio di testo, il quale unicamente contiene l’elenco delle tavole medesime mancanti di illustrazioni, che non furono mai pubblicate e rendesi conto in questo foglio di quanto fu ordinato ed eseguito da tre professori dell’Accad. di S. Ferdinando sotto il ministero del C. di Florída Bianca, acciò pel ritardo del testo non venissero più lungamente defraudati i curiosi delle tavole, delle quali si pubblicarono pochi esemplari.
  5. 2512. Dell’ARCHITETTURA egiziana. Dissertazione d’un corrispondente dell’Accademia delle Scienze di Parigi, membro dell’Istituto di Bologna e di diverse Accademie, Parma 1786, in 4.
  6. 2513. ASSEMANI Simone, Saggio sull’origine, culto, letteratura e costumi degli arabi avanti Maometto, Padova 1787, M 50.
  7. 8
  8. 2514. ASSEMANI, Museo Cufico Naniano illustrato, Padova 1787 e 88, in 4, parte prima e seconda, fig., M. 6.
    Opera dottissima e illustrata con 9 tavole intagliate in rame. Con 3 grandissime tavole.
  9. 2515. ASSEMANI Simonis, Globus coelestis Cufice-Arabicus Veliterni Musaei Borgiani illustratus; praemissa ejusdem de arabum astronomia dissertazione, et adjectis duabus epistolis Josephi Toaldi astronomiae professoris, Patavii 1790, in fol.
    Con grandissime tavole.
  10. 2516. BANDINI Angeli Mariae, De obelisco Caesaris Augusti e Campi-Martii ruderibus eruto commentarius. Accedunt CII virorum epistolae atque opuscula, Romae 1750, in fol., fig.
    Questo libro ripieno di note e di erudizione ha quattro tavole intagliate in rame.
  11. 2517. BANIER ab., Origine del culto prestato dagli egizj agli animali; dissertazione, Venezia 1748, in 4, M 65.
    Questa è una delle dissertazioni della collezione di Antonio Groppo.
  12. 2518. BROCCHI Giovan Battista, Ricerche sopra la scultura presso gli egiziani, Venezia 1792, in 8, fig.
    Sono in fine al vol. 12 tavole in rame. Quest’opera è piuttosto l’estratto di una serie di nozioni e d’autori, che il risultato d’alcuna nuova scoperta od ispezione sui luoghi.
  13. 2519. De CHAULNES M. Le Duc, Mémoire sur la veritable entrée du monument egyptien qui se trouve à quatre lieues du Caire etc., Rome 1783, in 4, fi., M. I.
    Con una tavola dimostrativa: memoria interessante per compararsi alle ulteriori verificazioni e scoperte.
  14. 2520. DENON, Viaggio del basso ed alto Egitto illustrato, Firenze, presso Giuseppe Tofani, 1708, vol. 2, in fol., fig.
    Gli editori di Firenze intesero di illustrare quest’opera con alcune note ed aggiunte e col premettere alcune tavole per una più chiara intelligenza. Fu adoperato in ciò il chiarissimo ab. Fontani bibliotecario della Riccardiana; ma il segreto del 9 le note ed illustrazioni si fu per poter ristampare a Firenze (suddita allora della Francia) un’opera pubblicata a Parigi, senza aver l’apparenza di ledere la proprietà e gli interessi dell’autore. Nondimeno questa seconda edizione e prima italiana, non cede all’edizione originale ed è eseguita con molta diligenza. Le tavole sono in numero di 544.
  15. 2521. DESCRIPTION de l’Egypte, ou recueil des observations et des recherches qui ont été faites en Egypte pendant l’expédition de l’armée Française, Paris, Imprimerie impériale, 1809 et ann. suiv., 13 vol. de texte, in fol., br. 3 livraisons in fol. max. de figures, 8 vol., in fol. gr.
    Quest’opera grandiosa e imponente composta da tanti elementi come sono le varie arti e scienze che abbraccia non poteva ricevere una conformità di esecuzione come se fosse il risultato d’un solo ingegno e non tutte le parti per conseguenza esser possono dello stesso merito: ma però per la sua vastità, per l’estensione delle cognizioni in essa spiegate, per l’eccellenza d’alcuni autori e la magnificenza dell’intrapresa terrà luogo fra le più insigni produzioni. Il merito della tipografia e della calcografia è assai distinto. Le tavole della storia naturale e in ispecie dei serpenti sono pregievolissime pel merito del bulino. Pare che migliori risultati ottener si potessero dalle macchine adoprate per le paralelle nelle tavole architettoniche, le quali sebbene di accurata esecuzione, nullameno lasciano luogo a desiderarvi più gusto. L’impresa veramente monarchica di produrre tavole d’una dimensione affatto nuova per l’immensità della mole sarà difficilmente imitata per gli ostacoli che incontransi nella esecuzione meccanica superati con valor sommo. Questo nostro esemplare è dono del clementissimo Re di Francia e l’opera non essendo per anche ultimata è tuttora slegato, acciò possa venir riunito come meglio si crederà, allor che sia interamente compiuto il lavoro.
  16. 2522. GAFFAREL Jacques, Curiosités inouies sur la sculpture talismanique des persans, horoscope des patriarches, et lecture des étoiles, Paris 1629, in 8. Prima edizione.
    Fu molte volte ristampato e anche da Giorgio Michele con note nel 1676 al 78 in due volumetti in 8.
  17. 2523. GROBERT Jacques, Description des piramides de Ghize de la ville du Kaire et de ses environs, Paris, an. IX in 4, fig., M. 106.
    L’autore, ufficiale d’artiglieria e membro dell’Instituto di Bologna fu al Cairo nella gran spedizione ed illustrò questa opera con cinque tavole in rame.
    10
  18. 2524. HAMILTON William, Egyptiaca… Remarks on several parts of Turkey, London 1809, in 4.
    L’atlante di quest’opera è composto di 25 tavole in foglio legate a parte.
  19. 2525. JABLONSKI Pauli Ernesti, De Memnone graecorum et aegyptiorum hujusque celeberrima in Thebaide statua, syntagmata cum figuris aeneis, in 4, Francofurti 1753, M. 39 e 41.
    Con due tavole intagliate in rame.
  20. 2526. KIRCHERII Athanasii, Obeliscus Pamphilius; hoc est interpretatio nova obelisci hierogliphici quem etc., Romae 1650, in f., fig.
  21. 2527. KIRCHERII Athanasii, Oepidus egyptiacus, hoc est universalis hierogliphicae veterum doctrinae temporum injuria abolitae instauratio, Romae 1662 ed anni seg., 4 vol., in fol., fig.
    Questa è l’opera più dotta, profonda e stimata del Kirchero; e perciò gli esemplari sono tenuti in pregio, non essendone mai stata intrapresa una seconda edizione, che costerebbe un grave dispendio.
  22. 2528. KIRCHERII Athanasii, China monumentis sacris et profanis, nec non naturae et artis spectaculis illustrata, Ant. 1667, in fol., fig. Col ritratto dell’autore in fronte.
    Le molte tavole, che sono sparse nelle opere di questo autore, i viaggi, gli studi, le nozioni di questo dottissimo frate infaticabile, rendono le sue opere pregevoli, quand’anche manchino spesso di critica; e quantunque la filosofia fosse lontana dagli immensi progressi che ha fatto in seguito, la posterità deve essergli riconoscente.
  23. 2529. LETTRE sur les hiérogliphes - Davus sum non Oedipus, 1802, in 4, M. 104.
  24. MAYER Luigi, Views in Egypte from the original gravings in the possession of sir Robert Ainslie. Engraved by and under the direction of Thomas Milton, London 1801, in fol., fig. — Aggiuntovi: Vue en Palestine d’après les desseins originaux de L. Mayer, London 1804.Vue dans l’Empire Ottoman, principalément dans la Caramanie, London 1803.
    Queste due ulteriori opere hanno la traduzione francese a fronte del testo inglese; la prima delle tre contiene 48 tavole; la seconda ne contiene 24 e la terza 24. 11 L’edizione di queste opere è del massimo splendore e le tavole colorate sono di una classica bellezza e tale che equivalgono a ben dipinti quadri da gabinetto. Nessuno vinse ancora in questo genere le opere inglesi. La carta che servì a queste magnifiche edizioni può assolutamente equivalere a lamine d’avorio; tanto è compatta, eguale e candida.
  25. 2531. MAYER, Views in the ottoman dominions in Europe, in Asia, and some of the mediterranean islands, London 1810.
    Opera di merito uguale alla precedente con 71 tavole.
  26. 2532. MEMORIA sopra due statue egizie mandate in dono alla sua patria da Giovan Battista Bolzoni Padovano. L’autore è il sig. Paer gen. inglese, Padova 1819, in 8, fig., M. 102.
  27. 2533. MERCATI Michele, Considerazioni sopra gli avvertimenti del sig. Latino Latini intorno alcune cose scritte nel libro degli obelischi di Roma insieme con alcuni supplementi al medesimo libro, Roma, per Domenico Basa. 1590, in 4.
  28. 2534. MERCATI Michele, Degli obelischi di Roma; alla Santità di Sisto V, Roma, per Domenico Basa, 1589, in 4.
  29. 2535. MILLIN Aubin Louis, Egyptiaques ou recueil de quelques monumens egyptiens inedits, Paris 1816, in 4, fi., M. 77.
    Sono 12 tavole ben intagliate, con poche pagine d’illustrazioni.
  30. 2536. MURPHY James Cavanah, The arabian antiquities of Spain, London 1816, in fol. atlant., fig.
    Questo libro eseguito con una diligentissima esecuzione e un lusso immenso di tavole intagliate, ripete e moltiplica una quantità di minute parti con estremo dispendio degli acquirenti: a quest’opera di tanto lusso non corrisponde una relativa utilità: tavole 97.
  31. 2537. MURPHY James Cavanah, The history of the Mahometan empire in Spain, London 1816, in 4.
    Questo libro può servire di testo storico alla grand’opera atlantica di questo autore sopracitata.
  32. 2538. NIEBUHR, Voyage en Arabie et en d’autres pays circonvoisins, traduit de l’Allemand, vol. 2, in 4, fig., Amsterdam 1776.
    Con 124 tavole in rame.
    12
  33. 2539. NIEBUHR, Description de l’Arabie, Amsterdam, in 4, fig.
    Con 25 tavole in rame.
  34. 2540. NIEBUHR, Recueil des questions proposées à une societé de savants qui font le voyage de l’Arabie par M. Michaelis, avec un extrait de la description de 1’Arabie, Amsterdam 1774, in 4.
    In questi quattro volumi riunisconsi le migliori notizie riguardo ad ogni costumanza di quei popoli.
  35. 2541. NORDEN Frederich Lewis, Travels in Egypt, and Nubia in two volumes, London 1757, 2 vol., in fol., figurato.
    Quest’opera tradotta dal danese in cui fu scritta venne pubblicata in Londra in inglese dal d. Peter Tempelmann e deve riguardarsi come una delle migliori opere che hanno preceduto la grande e colossale ultimamente in Francia. Tutto il primo volume è consecrato al testo: il secondo alle tavole in numero di 159.
  36. 2542. OBELISCI Vaticani Opuscula. Sive Gallesini Petri, obeliscus vaticanus, pietate invictissimae crucis sacerd. ad perpetuitatem praeclaris litteris laudatus, Romae 1587. — Ordo dedicationis obelisci, Romae 1586. — Familiaris epistola e Roma in Hispaniam missa in qua explicatur translatio obelisci, Romae 1586.Bargaei Petri Angeli, Commentarius de obelisco, Romae 1586.De Aguilar Jo. Baptista in dedicatione obelisci epigrammata collecta, Romae 1587.Blanci Guglielmi, Epigrammata in obeliscum, Romae 1586.Gaci Cosimo, Dialogo in cui si parla delle operazioni di Sisto V e in particolare del trasporto dell’obelisco vaticano, Roma 1586. Pigafetta Filippo, Discorso intorno la storia della guglia e della ragione del muoverla, Roma 1586, in 4.
    Collezione difficile a riunirsi. Col ritratto di Sisto V in principio.
  37. 2543. PAOLINO fra da S. Bartolomeo, Monumenti Indi 13 ci del Museo Naniano illustrati, Padova 1790, in 4, fig., M. 26.
    Con una singolare tavola in rame.
  38. 2544. PIGNORIO Laurentius, Vetustissimae tabulae aeneae sacris aegyptiorum simulacris coelatae accurata explicatio etc. Accessit ab eodem auctarium in quo ex antiquis sigillis gemmisque selectiora quaedam ejus generis, et veterum haereticorum amuleta exhibentur , Venetiis, apud Rampazzetum, sumptibus Jac. Franco, 1605, in 4, fig., M. 41.
    La piazza s. Marco di Venezia è intagliata in rame sul frontespizio: oltre le figure sparse fra il testo dell’opera sonovi cinque tavole in legno al fine e la grandiosa tavola isiaca in forma atlantica con questa iscrizione: Vetustissimae Tabule aeneae Hierogliphicis hoc est sacris aegyptiorum litteris caelatae Typus quem ex Torquati Bembi museo anno 1559 Aeneas Vicus Parmensis edidit, ac Imp. Caes. Ferdinando dedicavit, nunc denno publicae utilitatis ergo e tenebris in lucem prodit opera et industria Jacobi Franci Venetus A. M. D. C. Questa è la prima edizione di questo prezioso libro, che tre anni dopo de Bry ristampò a Francfort.
  39. 2545. QUATREMERE de Quincy, De l’architecture egyptienne considérée dans son origine, et comparée à l’architecture grecque, Paris 1803, en 4, figurato.
    Con 18 tavole intagliate in rame. Dissertazione premiata dall’Accademia di Francia nel 1785, piena di buona critica e profonda erudizione.
  40. 2546. RICAULT, Histoire de l’état present de l’empire ottoman traduite de l’anglais par M. Briot, Paris 1670, in 12. Avec figures par Sebastien le Clerc.
  41. 2547. Del ROSSO Giuseppe, Ricerche sull’architettura egiziana, Firenze 1787, in 8.
  42. 2548. SWINBURNE Henry, Travels through Spain in the years 1775 and 1776 in which several monuments of roman, and moorish architecture, London 1779, in fol., fig.
    Opera che rende conto delle antichità arabe tanto celebrate e intorno le quali si è ultimamente scritto e si sono pubblicate opere grandiose, come se non fossero state precedentemente illustrate. Le tavole sono collocate a’ rispettivi luoghi voluti dal testo. Vedi anche Antiguidades e Murphy.
    14
  43. 2549. De TORRES Antonio, Letteratura de’ Numidi, Venezia 1789, in 4, M. 78.
    Memoria assai dotta e interessante.
  44. 2550. WARBURTON Wittel, Éssai sur les hiéroglyphes des egyptiens où l’on voit l’origine, et les progrès du langage et de l’écriture, l’antiquité des sciences en Egypte etc. traduit de l’anglais par Léonard de Malpeines, vol. 2, en 12, fig., Paris, chez Guerin, 1744.
    Opera curiosa e dottissima con note interessanti e manoscritte di M. di Anse de Villoison, cui appartenne questo esemplare.
  45. 2551. ZOEGA Georgii, De origine et usu obeliscorum, Romae 1797, in fol., fig.
    Con otto tavole in rame grandissime, opera insigne e profonda.
  46. 2552. ZOEGA Georgii, Nummi Egyptii. Vedi nella Numismatica.